C'era una volta...

Le meravigliose proprietà dei semi, olio, farine e infiorescenze della canapa.

Canapa

Tessuti, Carta, Tavole e miscele per l’edilizia, Materie plastiche, Combustibili, Cosmesi, Fitoterapia, Agricoltura, Alimentazione (i semi della canapa, salutari e nutrienti, si possono utilizzare per ricavarne farine o l’olio di canapa, altamente protettivo, rinforza il sistema immunitario e abbassa i livelli del colesterolo).

Curiosità

Qualche domanda e risposta sull'uso della canapa

Quando è stata scoperta?

Il più antico manufatto in canapa mai ritrovato è un pezzo di stoffa che risale ad oltre 10.000 anni fa. La cannabis fu anche utilizzata dagli Assiri, e dai padri della medicina cinese oltre 4000 anni fa. La cannabis fu coltivata anche dai Celti e dai Romani in epoche più recenti. Nel 1800 l’uso in Europa divenne una vera e propria moda: introdotto dallo psichiatra francese Jacques-Joseph Moreau, si diffuse ben presto tra poeti e scrittori tra i quali si ricordano Victor Hugo, Alexandre Dumas, Charles Baudelaire, Honoré de Balzac e Théophile Gautier.

Perchè i semi e la farina di canapa sono un superfood?

I semi di canapa possiedono eccezionali proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, rafforzano il sistema nervoso e combattono diverse malattie respiratorie, cardiovascolari e della pelle. Privi di THC, sono infatti ricchi di omega 6 ed omega 3 e si prestano bene all’alimentazione vegana e vegetariana in quanto ricchi di proteine che comprendono tutti gli aminoacidi essenziali, in proporzione ottimale e in forma facilmente digeribile.

Cos'è il CBD?

Il cannabidiolo (CBD) è un metabolita non psicoattivo contenuto nella canapa. Ha effetti rilassanti, anticonvulsivanti, antidistonici, antiossidanti, antinfiammatori, favorisce il sonno ed è distensivo contro ansia e panico. Si è rivelato inoltre in grado di ridurre la pressione endooculare ed è un promettente antipsicotico atipico. Secondo il California Pacific Medical Center Research Institute, tale sostanza potrebbe essere in grado di bloccare la diffusione delle metastasi del cancro al seno, ma anche di altre forme tumorali.

Cos'è e a cosa serve l'olio di canapa?

L’olio di canapa si può utilizzare come alimento ma anche come cosmetico per risolvere dermatiti, acne e altri disturbi della pelle. L’olio di canapa è ricco di nutrienti e sostanze importanti per la nostra salute e offre un equilibrio perfetto tra gli Omega 3 e Omega 6 (3:1). La capacità di broncodilatazione lo rende un prezioso alleato in caso di problemi alle alte e basse vie respiratorie come ad esempio l’asma. Ha inoltre un effetto benefico sul sistema nervoso ed ha mostrato tra l’altro la capacità di migliorare attenzione e memoria.

Lo sapevi che...

I semi di canapa contengono 80% di acidi grassi polinsaturi. Nessuna altra pianta contiene così tante proteine facili da digerire, né tantomeno così tanti oli essenziali necessari per una vita sana e vitale. Dal punto di vista proteico i semi di canapa sono considerati un alimento completo, contengono, infatti 8 aminoacidi essenziali: leucina, isoleucina, fenilalanina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina. Inoltre sono ricchi di vitamina E, che svolge un’importante azione antiossidante, e di sali minerali, come potassio, magnesio e calcio. Nei semi di canapa troviamo anche gli acidi grassi omega3 e omega6.

Perchè è meglio degli alberi?

Un acro di terra coltivato con la canapa produce la stessa identica quantità di carta che quattro acri di bosco. Di conseguenza sarebbe molto meglio per l’ambiente e redditizio per i produttori di carta coltivare questa pianta che abbattere alberi e altre piante, che oltretutto è pronta per l’uso in appena sei mesi (un albero ci metterebbe almeno 20 anni).

Storia

Ricca di antiossidanti, proteine e vitamine; capace di sostituire la plastica o di trasformarsi in carta, in tessuto o addirittura in un combustibile. Conosciuta da migliaia di anni e utilizzata nella medicina naturale, vittima del proibizionismo (perché confusa con la “sorella” marijuana) la canapa sta acquisendo sempre più notorietà, vincendo la diffidenza dei consumatori.
Chiudi il menu